La Guida Seo: migliorare il posizionamento organico

Se hai intenzione di creare un nuovo sito e-commerce sappi che la SEO è fondamentale.

Ho deciso quindi di aiutarti sviluppando un guida che ti possa aiutare a comprendere come migliorare il posizionamento organico del tuo sito.

Perchè usare la SEO?

Tramite la SEO, ovvero l’insieme di tutte le regole che aiutarno a migliorare il posizionamento organico, puoi ottenere risultati duraturi in termini di visibilità e spesso di conversioni.
Si tende a pensare sia sufficiente creare un proprio sito internet per veder schizzare verso l’alto il saldo del proprio conto in banca.

Ti confido un segreto: non è così.

Se sviluppare un sito internet non è parlaticolarmente complesso sappi che farlo crescere è molto difficile.

Se proponi un prodotto di buona qualità sicuramente sarai facitato ma non è assolutamente sufficiente.

Per poter ricevere ordini è necessario combattere con i competitior, riuscire a distinguerti e avere un buon posizionamento nella SERP di Google.
Devi essere consapevole che per ottenere risultati c’è del lavoro da fare. Uno di questi step da compiere è lavorare sull’ottimizzazione SEO del tuo sito.
Per ottimizzare un sito ci vuol tempo. Si parla di un periodo minimo di 6 mesi o 1 anno. Però una volta ottenuti i risultati le soffisfazioni potrebbero essere tante e durature.

Per cui se hai intenzione di creare un business profittevole long term preparati a scendere in campo perchè ho diverse cose da dirti.

Strategia SEO per Ecommerce

 

Analisi del mercato

 

Un sito e-commerce è una vera attività commerciale caratterizzata da tutti pregi e difetti di un’attività economica. Per cui si parla di rischio di impresa, approvvigionamento, customer care, ecc…
Prima di partire con un sito e-commerce ti consiglio vivamente di fare qualche analisi.
Studia il settore, la SERP, i competitor, il prodotto, i fornitori. Non lasciare niente al caso. Il tempo che impegnerai a fare queste analisi ti permetterà di non avere problemi dopo.

Esistono vari strumenti per fare ricerce di mercato approfondite.

Due prodotti svettano su tutti:

  • Per il mercato internazionale SemRush;
  • Per il mercato italiano il top è SeoZoom

La bellezza di uno strumento come SeoZoo è la possibilità di inserire un progetto e seguirne gli sviluppi. Quando si lavora con agenzie o clienti può risultare uno strumento estremamente utile.

Analisi parole Chiave

 

Studiare il tuo potenziale cliente è il secondo passo dopo aver lavorato sulle ricerce di mercato.
Google fornisce uno strumento indispensabile per capire quali sono le keyword più ricercare ed il loro costo: google planner.
Ti consiglio di lavorare sull’analisi delle parole chiave dei tuoi competitor (quelli presenti sul mercato da più tempo) perchè sapere come lavorano gli altri è importante per capire cosa cercano gli utenti.
Una nicchia in cui le parole chiave hanno un prezzo alto sarà sicuramente più competitivà e sarà più difficile ed economicamente costosa.
E’ importante individuare non solo le Keywork principali ma anche le key long tail. Queste ti permetteranno di posizionarti meglio.
Posizionarsi che una chiave del tipo “Specialista ecommerce” rispetto “Specialista ecommerce Rimini” sarà sempre più difficile da posizionare.

Ti svelo un aspetto che forse in pochi ti hanno detto: la SEO sta cambiando. Sono tante le aziende che stanno investendo sulle ricerche vocali.

SEO mobile e ricerche vocali

Dalle statistiche di molti miei clienti e dai dati diffusi da Google è piuttosto evidente che adesso ed in futuro le ricerche da mobile la faranno da padrone.

Tuttu gli smartphone di nuova generazione fanno uso dell’assistente vocale. Siamo Android (cortana) che Apple(Siri) pensano che questo sia il futuro.

Fondendo questi due aspetti, quello del mobile e quello degli assistenti vocali, è facile capire come sta cambiando la situazione.
Ora il discorso long tail sta prendendo il sopravvento. Una ricerca sarà sempre piu basata sulla keyword usate nel parlato. Per cui parlo di ricerche più precise e probabilmente su stringhe più lunghe.

Con l’avvento degli assistenti vocali probabilmente anche la SEO Local sarà determinante.

Esistono diversi software che possono aiutarti a competition dietro ogni parola chiave.

 

Ottimizzzazione SEO dal punto di vista tecnico

 

 

Struttura di un Sito E-commerce e di un sito corporate

 

Per sviluppare un buon progetto ecommerce e permetterne una buona indicizzazione la struttura è fondamentale.

Deve essere sempre piramidale la cui cima è l’home page. Anche le keywork devono essere strutturate in forma piramidale ragionando con il concetto di coda lunga (long tail).

E’ necessario creare una gerarchia in cui, scendendo in profondità nelle categorie, le parole chiave diventino via via più specifiche.

Esempio 1:
Home>scarpe uomo> scarpe da tennis uomo> modello e brand scarpa 1

 

URL delle pagine

 

Quando di parla di Seo e struttura un tassello fondamentale è l’URL delle singole pagine. URL deve eseguire fedelmente le chiavi e i title delle pagine. Ci vuole sempre congruenza tra un titolo e un url.

Riferendoci all’esempio precedente l’url ideale sarebbe una cosa del tipo:

www.dominio.it/scarpe-uomo/scarpe-tennis-uomo/modello-brand-scarpa-1

Bisogna evitare di usare url con codici prodotto per identificare i prodotti.

Gli url devono essere parlanti, sia per l’umano che naviga il sito, sia per i motori di ricerca che lo devono indicizzare.

Evitare sempre cose del tipo

Esempio: www.dominio.it/modello-brand-scarpa-1?cod=332432fdddf

Mi è capitato spesso di vedere siti ecommerce in cui erano presenti filtri senza che venissero utilizzati bene gli url.
Esistono diversi plugin in commercio che permettono di costruire url dinamiche facendole sembrare statiche.
Questo tipo di prodotti aiutano tanto quando se parla di indicizzazione perchè creano finti url statici agli occhi di Google.

Breadcrumbs e struttura

 

Breadcrumbs o briciola sono particolari etichette che normalmente si trovano nella parte superiore del sito, sotto al menu di testa. Sono un auito per la navigazione utente e un aiuto ai motori di ricerca che riescono così a capire la struttura del sito.

Devono permettere una buon nagivazione o e devono rispettare la gerarchia piramidale del sito.

Devono permettere la navigazione dell’utente senza dover accedere continuamente al menu di testa.

Contenuti del sito: dalla categoria al prodotto

 

I contenuti sono il core di ogni sito, sia che si parli di sito corporate, sia che si parli di sito ecommerce.

Devono essere: originali, completi e scritti bene.

L’originalità e la completazza dei cotenuti sono fondamentali sia per l’utente sia per i motori di ricerca.

Avere un buon copy è il miglior biglietto da visita. Un copy esaustivo e persuasivo possono fare la differenza.
Come diceva Nanni Moretti “Le parole sono importanti”.
Il copy è fondamentale in tante situazione: sia quando si parla di copy di un sito ecommerce sia quando si parla di Facebook Ads. Sono le parole che ci permettono di comunicare le caratteristiche del prodotto.

Ti dico una cosa: le emozioni sono l’aspetto determinante. Le parole possono trasmettere emozioni. Non ci credi? Guarda Apple: immagini, video e testi. Così batte sistematicamente la concorrenza!

Non copiare mai i contenuti, può portare a pesanti penalizzazioni. Se ricevi testi dal fornitore riscrivili e non copiarli direttamente. Questo perchè potrebbe già averlo fatto qualche tuo competitor.

Categoria prodotti: Spesso mi capita di vedere categorie senza testi. Personalmente penso sia importante inserire del copy che anticipi il contenuto della pagina. Fallo sempre con criterio, studiando una struttura delle parole chiave.

Scheda prodotto: Sfrutta al meglio le tue doti di copywriting focalizzandoti sul prodotto e sui suoi lati positivi. Se ne sei capace usa sempre un linguaggio persuasivo ma non troppo spinto: l’utente potrebbe pensare che il prodotto sia un fregatura. In tutto questo concentrati sempre sulle parole chiave.

Trasmetti emozioni: immagini e video

 

Quando pensi a quali immagini e video usare pensa sempre alle emozioni.
Nell’80% dei casi l’acquisto è emozionale.
A mente lucida penso sarebbero in pochi ad acquistare uno smartphone da 1000 euro.

Questo concetto viene ribadito anche da Facebook. I video e le immagini saranno sempre più importanti. Tutti quelli che lavorano con Facebook ADS vi diranno che un copy senza immagini o video emozionanti non vale niente.

Avere immagini e video unici è importante.

Se hai la possibilità di consiglio vivamente di crearti video e foto. Questo perchè fornire un proprio punto di vista è sempre quel qualche cosa in più che ti distingue dalla massa.

Ottimizzazione dei Title e meta description

 

Un buon lavoro Seo è fatto anche di dettagli. Con questo non voglio dire che i meta non siano importanti, anzi. Dico che sono uno dei tanti tasselli. Tag title e metadescription. Esistono tante teorie su come andrebbero gestiti.
Personalmente penso avere una pagina in cui tutto sia congruente sia importante.
Il title deve rispecchiare l’url ed il titolo della pagina.
La description deve riassumere in poche righe il contenuto della pagina. Questo perchè sia il motore si ricerca, sia la persona che la navigherà deve capire rapidamente quali temi verranno trattati.

Rich Spinnet o Dati strutturati

 

Aggiungere dati strutturati ad un sito ecommerce vuol dire aumentare le informazioni che vengono passate ai motori di ricerca.
Su Google Console c’è un menu dedicato a questi strumenti. Trasmettere maggiori informazioni è sicuramente un plus agli occhi di Google.

Cos’è il tag Canonical?

 

E’ un tag che permette di evitare problemi relativi duplicazione di pagine e contenuti.

rel=canonical

Negli e-commerce un problema ricorrente è di ritrovarsi con contenuti doppi. Questo tag comunica a Google qual’è la pagina da tenere in considerazione.
E’ sempre bene usare questo tag per evitare penalizzazioni.

File Robots.txt

 

Un sito internet deve sempre contenere il file robots.txt.
Questo file permette l’accesso di Google alle risorse internet del sito. E’ lui che comunica ai bot quali pagine scansionare e quali no. Nei siti di grosse dimensioni permette di evitare la scansione di risorse marginali e di poca importanza.

Sitemap.xml

Tramite Google Search console è possibile trasmettere a google il filesitemap.xml.
Questo file scritto in xml rappresenta indice delle pagine e la loro importanza. Comunica a Google di capire la struttura del sito, le pagine più importanti e i tempi di aggiornamento delle stesse.

In linea di massima trasmettere questo file a Google è importante per velocizzare l’indicizzazione del sito.

Come gestire i prodotti esauriti e non disponibili

 

Può succedere di avere prodotti esauriti o non più disponibili. Può succedere nel caso in cui il nostro fornitore abbia deciso di non produrre un articolo presente in catalogo.
Fare del buon SEO buon dire imparare a gestire anche queste situazioni.
Prodotti momentanemente esauriti: Preferisco sempre mostrare al cliente lo stato di momentaneamente esaurito. Non mi piace come fanno molti di inserire un redirect 200. Questo perchè prefereisco che il cliente sappia che il prodotto non è stato eliminato dal catalogo ma è semplicmente esaurito in magazzino.
Articolo fuori produzione: In questo caso è necessario fare un redirect 301 che indichi al motore di ricerca che il prodotto non sarà più disponibile. L’utente, tramite il redirect, dovrà essere inviato alla pagina con il prodotto più simile.

La Velocità del sito. E’ un fattore di ranking?

 

Si, la velocità del sito è un fattore di ranking. Questo è facilmente comprensibile perchè non si può pretendere che un cliente aspetti diversi secondi per poter visualizzare i contenuti.
I siti devono essere veloci. Punto.
Esistono diversi strumenti per analizzare la velocità di un sito internet e capirne le criticità.
Personalmente uso https://gtmetrix.com/.
E’ possibile effettuare diverse ottimizzazioni per rendere un sito più performante.
Evitare lunghi e spiacevoli attese è un modo per rendere l’esperienza di acquisto più piacevole.

La velocità del sito è strettamente legata alla sua facilità di navigazione.

Avere un sito performante e una buona esperienza di acquisto aiuta diminuisce molto l’abbandono del carrello.

Protocollo Https

 

Quando le transazioni con Paypal e Carta di Credito avvengono sul sito internet è necessario avere il protocollo HTTPS. Questo perchè la sicurezza deve rimanere al primo posto. Avere i dati crittografati deve rimanere la priorità di qualsiasi sito commerciale.
Sin dal 2016 Google ama profondamente questo tipo di protocollo talmente tanto che è diventato fattore di ranking.

SEO Ecommerce e Web Marketing

 

Se il tuo sito è già posizionato ed hai bisogno di migliorarne il raking organico sicuramente c’è un elemento che sicuramente potrebbe fare bene al tuo sito: il blog.

Blog

 

Nel tuo sito ecommerce non dimenticarti di aprire un blog. E’ un importante canale di comunicazione.
Tramite questa risorsa potrai dialogare con i tuoi utenti fornendo informazioni e approfondimenti sui prodotti che promuovi.

Il blog è uno strumento importante per posizionare nell’organico determinate keyword che non riesci a posizionare con le categorie e schede prodotto. E’ lo strumento che ti permetterà di creare un ponte tra il tuo prodotto ed il tuo cliente.

L’importanza del tasto “cerca”

 

Spesso si tende si tendono a sottovalutare gli strumenti più semplici. Uno di questi è sicuramente il tasto cerca. Monitorare le rierche potrebbe aiutarti a capire cosa vuole o vorrebbe acquistare il cliente.
Capire se un prodotto è più cercato rispetto ad altri potrebbe farti ragionare diversamente dal punto di vista commerciale, spingendo più un prodotto rispetto altri.

Link Building

 

Reputo che uno delle strade più efficienti per migliorare il posizionamento organico sia una buona link building. Essere linkati da un sito di rank superiore o uguale al nostro è sicuramente un fattore molto molto positivo.
Il link building non deve essere mai fatto tramite o banner o similari. Google odia la tecnica dello scambio banner o link. Devono essere tutti naturali.

Un buon modo sperimentato più volte da me è tramite guest post. Si tratta di instaurare un buon rapporto con siti con un buon rank e riuscire a farsi pubblicare articoli inserendo nel testo i propri riferimenti.
Ho notato che questa tecnica fa letteralmente miracoli.

L’ancor text deve essere usato in maniera intelligente senza esagerare con le chiavi esatte.

Le mie conclusioni

In questo articolo ho racchiuso una Guida Seo per siti ecommerce. Racchiude le linee guide principali per creare una buona ottimizzazione per siti ecommerce e non.

Fare un buon lavoro iniziale ti aiuterà a partire con il piede giusto senza dover ritornare sul lavoro già sviluppato e pubblicato.

alessandro gnola

About alessandro gnola

Consulente e-commerce. Mi occupo di sviluppo siti web e Ottimizzazione Seo.