Come gestire il magazzino del tuo e-commerce

Il magazzino è una delle parti più importanti di un’azienda commerciale. Che tu abbia e-commerce Magento o Woocommerce poco conta, un’azienda con un magazzino che funziona bene è un’azienda che lavora bene, che ha sempre la merce disponibile e non crea disagi al cliente

Stai pensando di aprire un e-commerce? Conviene avere un magazzino proprio oppure far spedire la merce ordinata direttamente dal fornitore.

Avere ordini ma non riuscire a consegnare la merce (perchè non disponibile in magazzino) oppure spedire in ritardo è una delle motivazioni per cui si perdono clienti.

Deve esserti chiaro un concetto: se riuscirai a stabilire un rapporto di fiducia con il cliente non avrai solo vendite occasionali. Gli e-commerce che funzionano sono quelli che si occupano di fornire un servizio di eccellenza e che puntano a creare clienti fidelizzati.

Il magazzino è il cuore dell’aziendamagazzino

Il magazzino rappresenta quello che per un’abitazione sono le fondamenta.

Puoi avere i prodotti migliori del mondo al costo più basso ma senza un magazzino preciso ed efficiente non potrai mai soddisfare le richieste dei tuoi clienti e ogni ordine potrebbe diventare un problema.

Un esempio pratico: il cliente Marco Rossi ti ordina 20 pezzi di cialde per caffè. Una volta chiuso l’ordine questo deve essere caricato nel gestionale per essere lavorato. Il carico in magazzino può essere fatto in modo manuale oppure automatizzato con una procedura integrata e schedulata.

Compito del gestionale è verificare la disponibilità di magazzino. Se la merce è disponibile l’ordine deve essere passato in magazzino per preparare la merce. Diversamente, se la merce non è disponibile, bisogna fare un riordino al fornitore.

Ma quanto merce devo tenere in magazzino? Qual’è il fabbisogno mensile? Non è una domanda facile a cui rispondere. In questo caso “dipende” è la risposta giusta.
E’ necessaria una premessa: avere merce ferma in magazzino rappresenta un costo.
Si tende quindi a tenerne il meno possibile. La difficoltà sta nell’avere il magazzino basso ma una buona tranquillità di avere le scorte necessarie per soddisfare qualsiasi ordine. Solitamente si utilizzano statistiche e algoritmi che si basano sullo storico aziendale per stabilire le quantità giuste da tenere a magazzino.
Un buon gestionale verifica se la merce disponibile è sufficiente. Nel caso non lo sia avvisa l’operatore che si rende necessario un approvvigionamento di merce.

La criticità di qualsiasi magazzino sta nella situazione in cui arriva un ordine non previsto. Un ordine in cui i prodotti ordinati non sono “previsti” dalle statistiche. In questo caso entra in gioco la bravura e la velocità del fornitore.
Spedire un ordine parziale non è mai una bella situazione. Questo perchè se è necessario spedire la merce in più fasi il costo deve essere assorbito dall’azienda che vende.
Se vuoi fornire un buon servizio, è buona norma avvisare sempre il cliente della spedizione parziale o di eventuali ritardi.

Inoltre va considerato che nel momento in cui bisogna effettuare più spedizione, tali costi, devono essere a carico dell’azienda che vede diminuire il suo margine di vendita.

E il dropshipping?

E’ la situazione in cui viene utilizzato come magazzino quello del fornitore.

Il dropshipping apparentemente sembra la soluzione migliore perchè ti permetterà di non avere merce in magazzino evitando quindi rimanenze e resi.
Però non tutto è oro quello che luccica.

Ci sono vari tipi di dropshipping:

  • acquisti dal fornitore sul venduto;
  • spedizione della merce direttamente dal fornitore.

Acquisti dal fornitore sul venduto

La prima soluzione è ottima perchè ti permette di limitare i costi di magazzino.
L’obbiettivo è acquistare la merce quando l’hai già venduta e già incassato dal cliente finale.

Spero che questo articolo ti sia utile. In questo caso condividilo. Grazie per il tuo sostegno.

Il problema in questo caso è che comunque devi avere del personale in magazzino per gestire la merce che ti arriverà dal fornitore.
In altre parole hai costi di magazzino e tempi di resa merce dilatati.

Spedizione della merce direttamente dal fornitore

Questa soluzione è interessante dal punto di vista dei costi.
Il lato positivo è non avere la necessità di avere un magazzino. Sarà il tuo fornitore a doverlo avere. Non credere però che sia tutto gratis. Questo servizio si paga. Sicuramente il tuo fornitore ti chiederà un contributo per la gestione del suo magazzino.
Va da se che questo implica una diminuzione dei tuoi margini.

La situazione ideale: l’ibrido

Come per tutte le cose non ci sono solo il bianco e il nero ma anche il grigio.
Per la merce ad alta rotazione potresti usare un magazzino interno mentre per la merce con poca rotazione potresti usare il dropshipping.
Molti dei clienti che seguo utilizzano la strategia ibrida.
Questo perchè reputano importante avere un catalogo assortito e ma non vogliono accollarsi costi di prodotti con bassa rotazione di magazzino.

Si usa questa espressione quando si ha un approvvigionamento delle scorte in tempo reale o comunque in tempo utile affinchè non si arrivi mai ad avere l’esaurimento della merce.
In questo caso è importante avere un buon fornitore ed un buon software gestionale. Compito del fornitore è essere rapido ed efficiente, compito del software gestionale è prevedere, attraverso l’analisi dei dati storici, prevedere quali prodotti devono essere riordinati.
Un buon gestionale deve essere capace di incrociare diversi dati: scorte basse, prodotti ad alta e bassa rotazione, prodotti in offerta o promozione.
Integrare gestionale ed e-commerce è una buona pratica perchè permette di avere sempre sotto controllo, in tempo reale, la merce disponibile a magazzino e quella impegnata.

La necessità di integrare e-commerce e gestionale aumenta quando, oltre ad avere un negozio e-commerce, si hanno anche punti di vendita fisici.
In questo caso avere sempre la situazione sotto controllo è una necessità inderogabile.

Concludendo

Come avrai capito reputo il magazzino il cuore dell’azienda.
Avere ordini ma non avere merce in magazzino è un grosso rischio perchè

alessandro gnola

About alessandro gnola

Consulente e-commerce. Mi occupo di sviluppo siti web e Ottimizzazione Seo.