Link building: 6 trucchi che miglioranno il posizionamento del tuo sito web

Il tuo sito non riesce a posizionarsi? Sei un pò in crisi e non sai a che santo votarti? Niente paura, ti ho preparato qualche utile consiglio per aiutarti nella tua scalata ai vertici della serp.

Come immagino saprai ci sono alcune azioni che google adora e, al contrario, alcune pratiche che vengono penalizzate.

Oggi voglio svelarti qualche segreto: le due attività più importanti per migliorare il posizionamento del tuo sito sono:

  • creare e condividere contenuti di valore
  • sviluppare una buona strategia Link building

Certo, ci sono tante altre tecniche ma quelle che veramente influenzano il posizionamento organico sono queste due.

Incredibile eh. Certo, ci sono ante tante tecniche di black hat ma il rischio è quello di avere un buon migliorameto nell’immediato, ma a lungo termine si rischia di essere penalizzati pensantemente.

Creare contenuti di valore

Ce lo ripetiamo oramai da qualche anno: “the content is the king”.

C’è poco da dire, è così.

Devi creare contenuti di qualità. Devi creare contenuti che aiutino il lettore. Devi creare consigli pratici che migliorino la sua vita.

Ci sono fondamentalmente due tipi di contenuti:

  • quelli generici
  • quelli specifici

In un’epoca in cui i contenuti sono tanti e diversi, scrivere contenuti generici ha poco senso. Certo, probabilmente su alcuni argomenti c’è ancora spazio, ma sono pochi.

Oggi, per attrarre il lettore bisogna approfondire gli argomenti. Non basta più parlare in modo generico ma approfondire. Nutrire il lettore.

E’ necessario creare contenuti che scaldino il lettore, che gli facciano percepire un effettivo senso di qualità della loro lettura.

Certo, ci sono diverse strategie, ma i contenuti che meglio si posizionano sono quelli che rispondono a domande dirette.

Ricordi Aranzulla? Hai mai notato che riesce a posizionarsi ai primi posti in tantissime serp?

Se vuoi capire il perchè la cosa migliore è analizzare la serp in cui si è posizionato e guardare i suoi contenuti.

Aranzulla risponde in modo diretto ed approfondito a semplici domande e Google ama questa pratica. Nessun trucco, solo contenuti semplici e diretti.

Con questo semplice giochetto fatto in modo strutturato fattura qualche milione ogni anno.

Non sto dicendo sia facile, ma questa è la chiave giusta.

Considera Google come fosse una grande, immensa libreria. Il mestiere di Google è quello di rispondere in modo corretto alle domande che gli vengono poste.

Per questo motivo Google ama chi persegue il suo stesso obbiettivo: rispondere in modo chiaro e diretto ai quesiti degli utenti.

consulente seo

Sviluppare una buona strategia link building

Ora torniamo a noi senza divagare.

La seconda azione puoi compiere per migliorare il posizionamento organico del tuo sito web è sviluppare una buona strategia link o meglio backlink.

Spero che questo articolo ti sia utile. In questo caso condividilo. Grazie per il tuo sostegno.

Se non ti è chiaro il concetto di backlink di consiglio caldamente di leggerti questo: http://alessandrognola.com/2016/01/25/migliorare-posizionamento-organico-backlink/

Se hai letto il post precedente sai sicuramente cosa sia un backlink. E’ uno degli strumenti più potenti che hai per migliorare il posizionamento del sito internet.

Ci sono alcune regole base da seguire per utilizzarlo bene.

Non sono regole complicate, ma vanno seguite con attenzione.

Concentrati perchè stai leggendo la parte più importante dell’articolo.
Mi raccomando fai tue queste semplici regole:

  1. E’ importante l’autorita del sito da cui proviene il backlink
  2. Mai ottenere link da qualsiasi directory
  3. Non ottenere link troppo veloci per non essere penalizzati
  4. Non sovraottimizzare le ancore
  5. Evita link “forzati” e offtopic
  6. Più di un link dal sito stesso è inutile

E’ importante l’autorita del sito da cui proviene il backlink

Sai cos’è la domain autority?
Italianizzando si può dire che è l’autorità che ha un dominio. Uno strumento di terze parti molto utile per capire la situazione di un dominio è questo:
https://moz.com/researchtools/ose

Come vedi hai diversi parametri che descrivono lo stato di salute di un dominio. Uno è proprio la domain autority.


Se quindi ricevi un backlink ha un valore più basso del tuo, probabilmente non ne riceverai un grosso beneficio.


Se il link rimane ontopic sicuramente Google ne terrà conto ma sempre in maniera molto limitata

Mai ottenere link da qualsiasi directory

Fino a qualche anno fa non eri nessuno se non ti iscrivevi alle directory. Attualmente penso che sia una pratica abbastanza inutile.
Le directory da cui ha senso ricevere link sono veramente poche. Devono essere ontopic con il nostro sito e fortemente focalizzate.
In generale però le directory hanno fatto il loro tempo. Oramai penso sia abbastanza inutile iscriversi alle directory.

Non ottenere link troppo veloci per non essere penalizzati


Spero che questo articolo ti sia utile. In questo caso condividilo. Grazie per il tuo sostegno.

Per posizionarsi bene ci vuole tempo.

Qualche anno fa c’era una pessima pratica di acquistare link. Dalla sera alla mattina un sito poteva avere 100 link in più mantenendo i contenuti originali. Strano direi. Google in questi anni ha capito la pratica e non la ritiene accettabile.

Se il tuo obbiettivo è ottenere risultati immediati il posizionamento organico non fa per te.

Ricordi il mio vecchio articolo in cui confrontavo il posizionamento organico vs ppc ?
http://alessandrognola.com/2016/09/05/posizionamento-organico-vs-ppc-pay-per-click/

E’ il momento di rileggerlo.

Per ottenere link di qualità ci vuole olio di gomito. Non esiste il tutto e subito.

Diffida dai Consulenti Seo o Seo Expert che ti promettono un buon posizionamento organico nel giro di qualche settimana.

Non sovraottimizzare le ancore e gli alternative

Qualche “esperto seo” racconta ancora che per ottimizzare un testo basta infarcirlo di parole chiave.

Un pò qui, un pò la. In un ottimo articolo di Francesco Margherita spiegava come la logica del “un tanto al kg” non funziona più.

Fino a qualche anno fa, ossia fino a prima dell’arrivo di Penguin, era sufficiente creare un pò di ancore in cui inserire stringhe chiave.

Se ad esempio il nostro obbiettivo era posizionare la stringa esperto magento, era sufficiente creare un’ancora e inserire esperto-magento.
Mi dispiace ora ma ora non è più così così semplice.
Agli occhi di Google stai sovraottimizzando.

La sovraottimizzazione è una pratica negativa che porta inesorabilmente alla penalizzazione.

Evita link “forzati” e offtopic

Il concetto è che i link devono essere naturali.

Link forzati sono ad alto rischio di penalizzazioni. Non ha senso inviare mail, come fanno diversi, per richiedere link.

Google non è stupido.

Allora stesso modo, ottenere link off topic.

I links per essere di qualità devono essere sempre contestualizzati.

Se hai un sito che si occupa di cibo vegano e ottieni un backlink da un sito che parla di auto, mi dici che senso può avere?

Gli algoritmi di Google sono in continua evoluzione e capisco quando i link sono contestualizzati.

Concludendo

Devi essere cosciente del fatto che per fare della buona seo ci vuole impegno e impegno. Non è sufficiente farsi dare backlink a caso per costruire una buona link building.

Come vedi le regole da seguire non sono tante. Ci vuole semplicemente buon senso.

Forse, il tempo dei furbetti è finito.

alessandro gnola

About alessandro gnola

Consulente e-commerce. Mi occupo di sviluppo siti web e Ottimizzazione Seo.

  • http://www.trovaweb.net/ TrovaWeb

    Leggo decine di articoli sul Link Building, e lavoro sul web dal 2007 quello che penso però è che sia diventato davvero molto difficile fare Link Building visto che quasi tutto il Web oramai è blindato da “nofollow” e comunque anche i siti di Article marketing ti impediscono tecnicamente di farlo ….. ci fosse mai qualcuno che ti facesse vedere come si fa …. step by step però …. senza filosofie

    • http://alessandrognola.com/ Alessandro Gnola

      Qualche mese fa ho fatto qualche test. Ho creato guest post e ho chiesto il favori da farli pubblicare su siti molto importanti del mio settore. 3 guest post in tutto. Hanno funzionano egregiamente sia per il posizionamento sia per l’incremento di lavoro. Considera però che il lavoro in una nicchia molto restratta.