Woocommerce,Magento e integrazione con gestionali

A giudicare dal tipo e dalla quantità di richieste ricevute ultimamente, l’e-commerce sta subendo una rivoluzione. Si sta passando da una gestione manuale dei dati, ordini sopratutto, ad una gestione professionale sviluppando integrazioni con gestionali.

Delle varie richieste ricevute sono di imprenditori che hanno provato l’e-commmerce, hanno fatto numeri interessanti, ed hanno quindi deciso di passare a erp professionali. Certo, c’è anche chi ha deciso di integrare con gestionali più semplici ma comunque validi come Danea.

Che cosa è l’integrazione con gestionali?

Si parla di integrazione quando si crea un flusso di dati, da sito e-commerce verso il gestionale e viceversa.

Le modalità di interscambio dati possono essere diverse.

integrazione con gestionali

Si può avere una connessione diretta tra e-commerce e gestionale erp, oppure una connessione indiretta tramite l’appoggio dei dati in un database (interscambio) o in file (interscambio).

Come schema di flusso solitamente è consigliabile usare la seconda soluzione per 2 semplici motivi:

  • sicurezza: avendo due sistemi indipendenti si evitano intrusioni dall’esterno;
  • sito ecommerce e gestionale erp funzionano indipendentemente senza il rischio che, bloccandosi uno dei due, si blocchi l’intero processo.

Personalmente preferisco la soluzione in cui si lavora direttamente su database. Questo perchè, per clienti che hanno l’esigenza di scaricare gli ordini diverse volte all’ora, la lettura dei dati da database è molto più efficiente e rapida.

Per quanto concerne lo scambio di dati tramite file consiglio xml e suggerisco di evitare csv. Per quanto in passato si usasse molto questo tipo di formato, attualmente non è consigliabile. I formati csv hanno molte problematiche nel gestire stringhe con accenti o caratteri particolari.

Attualmente ci sono diversi plugin che permettono lo scambio dei dati, ma io preferisco fornire sempre soluzioni personalizzate che anche se inizialmente possono risultare più costose, con il tempo permettono di avere una maggiore stabilità generale.

Integrazione ed e-commerce: solo Magento?

Spesso quando si parla di integrazione con gestionali si tende parlare solo di software e-commerce strutturati e super-efficienti, tipo Magento. Purtroppo ci si dimentica che esistono anche altri strumenti interessanti, tipo Woocommerce.

Dalle statistiche di penetrazione del mercato dei diversi software si evince che Woocommerce è molto usato. Certo ha meno opzioni, ma è comunque un software valido.

Stai trovando interessante questo articolo? Se vuoi premiarmi e permettermi di scriverne altri condividilo. Grazie!

In questo periodo mi sta appunto capitando un’integrazione ordini tra Woocommerce e un erp.

In questa situazione particolare, visto il costo irrisorio dei plugin su Woocommerce per estrapolare il file xml, ho preferito appoggiarmi ad un plugin per evitare l’annoso compito di estrazione dei dati. Mi sono limitato alla lettura del file xml e relative impostazione del database con il solito schema testate e righe.

Cosa sono i file xml?

XML è l’acronimo di eXtensible Markup Language. E’ un metalinguaggio ovvero un meccanismo sintattico che consente di modificare e controllare il significato degli elementi inseriti in documenti.

Permette di creare tag personalizzati e di creare un file leggebile rapidamente da linguaggi tipo php.

Viene spesso usato nello scambio di dati in alternativa al classico database.

E’ semplice realizzare scripts di importazione?

Non è molto semplice. Diciamo che bisogna lavorarci un pò. Questo perchè non è possibile fare una semplice query di insert, ma devono essere fatti diversi controlli e verifiche.
Ad esempio bisogna verificare che l’ordine non sia già stato inserito, oppure inserire un flag di controllo a file importazione per evitare ordini importati male a seguito di interruzione di linea o corrente.
Non solo: solitamente i gestionali hanno la necessità di avere i dati in modo particolare. Ad esempio, quando si tratta di importare il paese di fatturazione (o spedizione) è necessario prima estrarre il dato da software e-commerce e convertirlo nel formato numero che il gestionale richiede. Ad esempio su Gamma di TeamSystem:

ITALIA → IT

che diventa su Gamma:

ITALIA → IT → 86

Conclusioni

Il cambio di rotta che sta avvenendo nell’e-commerce mi fa pensare bene. Se tanti hanno deciso di investire evidentemente ci sono ritorni interessanti. Probabilmente anche gli imprenditori italiani si stanno rendendo conto che una gestione professionale dei flussi aziendali permette di aumentare la competitività accorciando i tempi di elaborazione, gli ordini ed evitando potenziali errori da inserimento di ordini manuali, permettendo così di utilizzare le risorse umane interne all’azienda non più per mansioni noiose e ad alto rischio di errore, ma per compiti più interessanti e fruttuosi.

Mi fa piacere tu abbia letto tutto l’articolo. Spero di essermi spiegato bene e mi auguro che questo mio scritto ti possa essere utile per prendere decisioni consapevoli.
Non sai quanto spesso mi succede di sentire imprenditori che si sono trovati nelle mani di agenzie poco capaci.

A questo punto ti sarò grato se vorrai condividere l’articolo in modo che altri possano affrontare situazioni complicate con più lucidità e consapevolezza!

Condividi su Facebook
alessandro gnola

About alessandro gnola

Consulente e-commerce. Mi occupo di sviluppo siti web e Ottimizzazione Seo.