Web Marketing: gli errori da evitare

 web-marketing-errori-da-evitare

 

Ci sono tante aziende che in questo periodo fanno fatica o peggio chiudono. Sicuramente uno dei responsabili è la crisi che ci sta perseguitanto dal 2008. Ma non è solo quello: il mondo è cambiato e sta cambiando e chi era meno preparato ne sta subendo il contraccolpo più grosso.

L’avvento di internet ha cambiato le carte in tavola e le strategie che funzionavano qualche hanno fa iniziando a scricchiolare. L’offerta è maggiore e il rapporto con gli utenti è cambiato.

Fino a qualche anno fa, quando volevi realizzare i nuovi uffici ti rivolgevi ai due fornitori della città. Si valutavano i preventivi e ci si rivolgeva a uno dei due.
Da quando internet è entrato in modo importante nelle nostre vite l’utente è diventato molto più consapevole dei mezzi che ha a disposizione. Ogni attività che abbia saputo lavorare bene sul web ha aumentato in maniera considerevole la propria visibilità. Oggi, anche una piccola attività può sembrare, attraverso il web, una grande realtà. La concorrenza è aumentata e i prezzi, che prima erano nascosti e al riparo dall’occhio del cliente finale, sono diventati visibili. Questo comportamento ha permesso un aumento della trasparenza sui prezzi e sul servizio.
Con i social le cose sono cambiate ancora: se prima l’azienda era un’entità sfuggente, quasi soprannaturale, ora con il rapporto quasi paritario presente sui social(utente-azienda) l’imprenditore è costretto ad ascoltare le lamentele e ad essere presente pena lo sbeffeggiamento pubblico.

Web marketing: gli errori da evitare

Ecco alcuni degli errori da evitare assolutamente per non ritrovarsi “fregati”.

Delegare il web marketing

Il web marketing è spesso un termine che genera confusione. Molti imprenditori si rifiutano di adottare azioni strategieche di marketing per la paura dei costi o del mancato ritorno. In effetti, se parliamo di network tradizionali, qualche anno fa, i costi erano veramente alti e visto che non si aveva la certezza del ritorno si preferiva evitare di spendere soldi.
Con l’arrivo del web 2.0 però le cose sono cambiate. Ogni campagna marketing ha un costo e un ritorno determinato. Certo, è difficile capire l’indotto generato da una campagna, ma è individuabile tramite i vari sistemi di statiche attualmente disponibili.

La mancanza di un sistema per generare nuovi contatti

Questo è il problema maggiore. Molti imprenditori non hanno una strategia chiara per attirare nuovi contatti. Si affidano esclusivamente al passaparola. Sicuramente per un’azienda di piccole dimensioni funziona, ma non è sufficiente.
E’ necessario adottare strategie che permettano di generare contatti in modo continuativo e costante. Quindi è necessario lavorare in modo permamente a strategie di comunicazione per aumentare il proprio raggio d’azione.

In questo caso è molto importante capire i costi per acquisire nuovi clienti per capire quale strategia funziona e quale invece ha un costo troppo alto.

Mancanza di un sistema che permetta di profilare i propri contatti

Spesso la mancanza di una chiara strategia di marketing non permette di profilare i clienti e di mantenere aperta la conversazione. Una volta che si entra in contatto un nuovo cliente è importante acquisire tutte le informazioni necessarie per stabilire una connessione durevole al fine di capire i sui gusti e necessità.

Se ad esempio siamo un ecommerce e il nostro cliente ha acquistato uno smartphone di ultima generazoine è probabile che sia interessato alla tecnologia. E’ quindi un potenziale cliente su cui si possono applicare strategie che gli propongano le ultime novità in fatto di smartphone o accessori smartphone.

Non aver individuato il pubblico giusto

In tutte le situazioni, quando ci si rapporta con le persone, è necessario capire chi si ha di fronte per gestire in moto corretto la comunicazione.
Bisogna utilizzare la stessa strategia quando si comunica attraverso il web. Individurare il cliente ideale per comunicare nel modo corretto.

Ogni azione va misurata

Una delle grandi differenze tra il marketing tradizionale e quello sul web è la possibilità di essere misurato.
Sul web, ogni azione va misurata per capire se stiamo lavorando bene. Per capire se la strategia su cui stiamo lavorando ci sta portando nella direzione giusta.
Ogni azione va misurata per capire meglio quali dinamiche spingono il tuo cliente ad acquistare, per capire come il tuo business sta cambiando al cambiare dei trend di mercato. Un ottimo modo per misurare le azioni sono le Analitycs avendo cura di inserire delle segnalibri ogni volta che facciamo qualche azione importante.

Errata gestione dei canali social

Nell’ottica di avere un rapporto continuativo con il cliente è importante avere una corretta gestione dei canali social. Non è sufficiente, come fanno molto, pubblicare i propri articoli o i propri post. E’ necessario dialogare con il cliente per capire quali sono le criticità e per trovare una comunicazione proficua per un rapporto lavorativo duraturo. Un ottimo articolo sull’argomento l’ha scritto Skande. Trovare il proprio pubblico e comunicare correttamente non è semplice. Ci vuole una chiara strategia e un lavoro quotidiano. Anche questo tipo di lavoro è misurabile: attualmente io uso hootsuite.com con profitto.

Rimanere in ascolto per seguire il mercato, per capire dove va il mercato e interpretare prima degli altri le prossime tendenze e individurare sempre nuove possibilità di business.

alessandro gnola

About alessandro gnola

Consulente e-commerce. Mi occupo di sviluppo siti web e Ottimizzazione Seo.