La conversione nei siti internet e nei siti ecommerce

Proprio ieri, parlando con un agente di commercio che era passato a trovarmi in ufficio, mi ha posto la segunte domanda: “nel mio sito ecommerce ho molti accessi, ma non ho contatti. non ricevo richieste. come mai?”
La web agency che lo segue è stata capace di generare traffico ma non è stata capace di convertire le visualizzazioni di pagina in contatti.
E’ importante generare traffico ma se l’obbiettivo dei siti ecommerce è quello di generare conversioni, non siamo sulla strada giusta. Generare vendite o fare brand è lo scopo per cui di ogni attività commerciale realizza il proprio sito internet.

Quando non si parla di generare vendite o contatti, le aziende se stimolate adeguatamente, accettano di spendere. Chi non vorrebbe, a fronte di una piccola spesa, aumentare le vendite? Generare traffico però non è sempre sinonimo di aumento delle vendite o dei contatti.

I motivi per cui un sito non genera contatti o vendite posso essere diversi: analizziamo i due più importanti.

  • Esperienza navigazione web difficile
  • Scelta sbagliata delle parole chiave

Esperienza navigazione web difficile

Navigare in un sito internet deve essere un’esperienza piacevole, un pò come camminare tra gli scaffali di un negozio. Se vogliamo fare una comparazione con un negozio tradizionale possiamo dire che è importante avere delle belle vetrine e un ingresso accogliente, ma senza un arredamento piacevole, senza avere un’ottimale disposizione della merce il cliente non acquisterà.



 

Capire che strumento l’utente sta utilizzando per navigare

Per navigare, un utente può utilizzare diversi dispositivi; tablet, smartphone o il classico computer.
Per ognuno di questi bisogna considerare una user experience diversa. E’ importante realizzare siti responsive. E’ necessario che il nostro siti ecommerce si adatti al dispositivo che lo sta navigando.
A supporto di questa tesi possiamo vedere i grafici seguenti.

dispositivi-navigazione-conversioni-ecommerce

E’ evidente come il mondo sia cambiato negli ultimi anni e gli strumenti con cui è possibile navigare sono diventati diversi e bisogna essere pronti per ricevere ognuno di essi.

Precedentemente parlavamo di arredamento e della sua importanza. E’ necessario lavorare su ogni singolo aspetto delle nostre pagine. Non bisogna tralasciare niente: dai colori, ai font, disposizione dei contenuti. Ogni pagina va considerata singolarmente per lo scopo per cui è stata progettata; bisogna profondere lo stesso impegno come se ogni pagina del nostro sito web fosse una landing page.

“Ogni aspetto è fondamentale per conseguire il nostro obbiettivo: generare vendite!”

Scelta sbagliata delle parole chiave

Come diceva qualcuno “le parole sono importanti”; le parole chiave ancora di più.
Scegliere le parole chiave con cui vogliamo essere cercati è importantissimo per attrarre il cliente giusto.

Ci sono diversi strumenti utili che ci possono aiutare nella ricerca delle parole chiave.
Sicuramente non possiamo affidarci solo all’utilizzo di strumenti come AdWords Keyword Planner ma ci vuole una buona dose di buon senso.
Capire quali sono le parole chiave che convertono è piuttosto complesso. Non ci sono regole da seguire, bisogno solo fare test, prove e analizzare i risultati ottenuti. Solo attraverso questo tipo di lavoro possiamo capire quali sono le logiche che l’utente segue.

Spesso quando parlo con i clienti sono loro che vogliono scegliere le parole chiave per il loro sito ecommerce. Sicuramente sanno meglio di me come viene percepito il loro prodotto ma non sempre sanno come viene percepito sul web. Solitamente gli imprenditori frequentano persone del loro stesso ambiente o comunque individui che parlano il loro stesso linguaggio che è diverso da quello dell’uomo comune. A meno che non si parli con aziende che lavorano su B2B è importante verificare sperimentalmente quali sono le keyword migliori per generare traffico.

Allo stesso modo non è facile l’analisi delle conversioni. Bisogna considerare che ci sono prodotti di massa, prodotti che attraggono il grande pubblico e prodotti di settore. Quindi dire che un tasso di conversione è alto oppure basso non è corretto. Per dare un termine di paragone, nel mondo dell’arredo ufficio, un tasso di conversione 1-2 click ogni 100 visite è ottimo.

keyword-siti-ecommerce

Altro fattore determinante nella scelta delle parole chiave è la concorrenza. Scegliere parole importanti, che generano molto traffico vuole anche dire avere concorrenti agguerriti. Una soluzione potrebbe essere quella di partire con un posizionamento local, vederne i risultati e decidere la strategia seguente.
Un’altra soluzione potrebbe essere di lavorare su parole chiavi verticali, che generino la famosa coda lunga.

Ci sono altri aspetti importanti che non ho trattato? segnalamelo in modo da avere uno scambio stimolante di punti di vista che aiuti entrambi a crescere professionalmente.